Vite Divergenti | Storie di un altro genere

In primo piano

12038064_1013242742041960_1055104119571606536_n

Il Mit è orgoglioso di presentare #ViteDivergenti – Storie di un Altro Genere, un progetto realizzato in collaborazione con Discovery – RealTime.

“Vite Divergenti: storie di un altro genere” è uno sguardo sulla realtà trans italiana. Un racconto corale fatto dalle voci e dai volti di 14 persone che attraversano l’identità transessuale e transgender ognuna a modo proprio. Emozionanti, divertenti, commoventi: sono le storie di queste persone che ci faranno scoprire le tante sfumature dell’identità di genere. Non esiste un solo mondo trans, ma ce ne sono tanti. Vite Divergenti inizia a raccontarli.”

 

Cena di autofinanziamento Mit Novembre2013

In primo piano

MERCOLEDI’ 13 NOVEMBRE ORE 20.00

•● MIT in GREEN | CENA SOCIALE DI AUTOFINANZIAMENTO ●•

★ MENU’ A 12€ ★ PASTA AL RAGU’ DI CARNE /// O AI FRUTTI DELL’ORTO ( VEG)
POLENTA CON SUGO DI FUNGHI /// O ERBE COTTE ALLA VENETA ( VEG)
CROSTATA FAVOL@ AUTOPRODOTTA!
……………………..……………………..…………………..
★ gradita prenotazione: serate.mit@gmail.com ★
……………………..……………………..…………………..

•● DJ SET BY GREEN EVERYWHERE & SILLYGOOSE ••• guerrilla sounds from TERRA DI NETTUNO •••

Schermata 2013-11-04 alle 15.47.26

 

 

 

Ciclo di formazioni aperte alla città: ” EDUCARE ALL’IDENTITA’ “

In primo piano

Educare all’identità. Ciclo di formazioni aperte alla città.

edid.jpg


5 Novembre:
“Pensando il genere e il corpo”.

Incontro sulle tematiche di genere, condotto da Daniela Crocetti, ricercatrice sulle tematiche di genere.

(h. 20-22)

 

12 Novembre: “TRANSESSUALISMI nel mondo contemporaneo”.

Incontro sulla tematica trans, condotto da Porpora Marcasciano, Presidente M.I.T. Movimento Identità Transessuale

(h. 21-23)

 

26 Novembre: “Pedagogia, genere e sessualità in una prospettiva queer”.

Incontro sulle tematiche queer, condotto da Alessia Acquistapace, antropologa queer.

(h. 21-23).

ATTENZIONE: l’incontro è aperto esclusivamente a coloro che già svolgono attività educative e di formazione, previa iscrizione a scuola@cassero.it entro le 12 del 24 Novembre).

 

10 Dicembre: “Diversi tra i diversi: migranti LGBTQ tra nuove sfide e discriminazioni multiple”. Incontro sul tema dei migranti lgbtq, condotto da Dany Carnassale, antropologo culturale.

(h. 21-23)

 

 

 

Tutti gli incontri, organizzati dal Gruppo Scuola Cassero, sono gratuiti ed aperti a tutti (ad eccezione dell’incontro del 26 Novembre).

Per info: scuola@cassero.it e 3409116888

 

Nasce www.articolo29.it: il diritto per i diritti

In primo piano

prop2-1Domani 17 maggio si celebra la giornata mondiale contro l’omofobia e la transfobia.
Per la comunità LGBT italiana non si tratta di una data simbolica, né di un’occasione per festeggiare battaglie vinte, ma di una giornata (l’ennesima!) per rivendicare la propria esistenza e la pienezza dei diritti di cittadinanza per tutti e tutte.
Le associazioni LGBT non sono disposte a subire l’immobilismo della politica, non sono disposte ad accettare che il compromesso di cui è frutto l’attuale governo avvenga sulla loro pelle riportando indietro le lancette di un cambiamento urgente e atteso.
Non si può più accettare che l’Italia sia tenuta – da una politica miope e perennemente lontana dalla società che vorrebbe rappresentare – ai margini di un contesto europeo che invece in termini di diritti civili ha già fatto passi da gigante bruciando tappe, esaudendo desideri, scaldando i cuori.
Ma nella società italiana il cambiamento sta già avvenendo e sebbene le resistenze siano forti crediamo che anche nell’assemblea parlamentare questa spinta possa trovare voce.
Nasce in questi giorni un’esperienza supportata da professionisti del diritto utile, interessante, ricca: articolo29, portale giuridico sulla questione delle famiglie, dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere www.articolo29.it
Perché la battaglia si gioca anche spostando, storia per storia, coppia per coppia, famiglia per famiglia, la linea del confine giuridico tra chi ha accesso ai diritti e chi deve conquistarseli ogni giorno. Ogni persona è unica, ma tutte insieme fanno una battaglia comune.
Questa iniziativa preziosa sarà presentata domani alle 16.00 a Bologna presso l’Archiginnasio Sala dello Stabat Mater Piazza Galvani 1.

Cathy La Torre – Vicepresidente MIT

Responsabile diritti Coordinamento nazionale SEL

 

REPORT M.I.T. 2012

In primo piano

 

Ci sembra importante e soprattutto opportuno fare un report del anno 2012, insieme a un bilancio e una valutazione su quanto fatto e realizzato dalla nostra associazione. Sicuramente non è stato un anno facile ma piuttosto faticoso, forse anche per questo, molto produttivo. Possiamo dire che gli sforzi e la fatica hanno prodotto ottimi risultati, tra i più importanti quello di avere quasi azzerato  il buco di bilancio che ci trascinavamo da qualche anno.

Cronologicamente il punto di partenza di questo report potrebbe essere la visita a Gennaio della speciale Commissione ONU in Italia per stendere un rapporto sulla violenza alle donne e per l’inaccettabile numero di donne e transessuali uccise nel nostro paese. La commissione ha ritenuto la questione del genere un elemento comune sia per le donne che per le persone transessuali, questa la ragione per la quale è stato scelto il MIT come realtà rappresentativa nazionale. A Febbraio, nell’incontro nazionale sulle discriminazioni indetto da UNAR Presidenza del Consiglio dei Ministri Ufficio per la promozione di parità di trattamento (Meeting presentazione del Progetto del Consiglio d’Europa “Contrasto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”.), il MIT è stato scelto come realtà rappresentativa e portavoce del mondo transessuale. Ha continuato a partecipare ai tavoli ISFOL (ISFOL – Pari Opportunità e contrasto alle discriminazioni) sulla promozione di pari opportunità e lotta alla discriminazione nella formazione.

A tal proposito va sottolineato il prezioso lavoro di relazione, collaborazione e costruzione di rete che ha contribuito a rinsaldare il Coordinamento Trans Sylvia Rivera. Da questa collaborazione di rete sono scaturite numerose attività e iniziative che hanno portato il Coordinamento e il MIT stesso ad essere riconosciuti come principali interlocutori del mondo transessuale. Vanno menzionati i diversi convegni organizzati dalle varie realtà del Coordinamento che hanno contribuito a valorizzare ogni singola associazione e i rispettivi percorsi, questo lo riteniamo un risultato politico di ottimo livello. Come pure le buone relazioni instaurate con tutto il mondo GLBT sia quello mainstream che quello più movimentista. La partecipazione ai vari Pride come protagonisti e non più come ruote di scorta, riteniamo sia un risultato significativo. Il riconoscimento è arrivato, ci verrebbe da dire “finalmente”, anche dall’ILGA che ha inserito il MIT in diversi incontri, progetti, commissioni creatisi in Italia riguardanti principalmente la lotta alle discriminazioni e alla  violenza, citiamo la stesura del Rapporto Italia (Implementazione della Raccomandazione CM/REC (2010)5 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri sulle misure volte a combattere la

discriminazione fondata su orientamento sessuale e identità di genere).

l’ultima in ordine di tempo è la partecipazione, su invito della Commissione Europea, al seminario di formazione contro i crimini di odio organizzata in Montenegro, Serbia e Albania, al cui tavolo il MIT (insieme a Rete LENFORD uniche realtà invitate) ha partecipato con una sua rappresentante.

Per ragione di spazio, non riportiamo i titoli dei diversi convegni, tutti molto interessanti, a cui il MIT è stato chiamato a partecipare.

Inoltre La casa di accoglienza Trans art.13 come esempio di buona pratica  è stata posta all’attenzione dei paesi membri nell’Annual Report 2012 dell’OSCE (p. 52). Special Representative and Co-ordinator for Combating Trafficking in Human Beings:

OSCE-OSR, Combating Trafficking as Modern-Day Slavery: A Matter of Non-Discrimination and Empowerment. 2012 Annual Report of the OSCE Special Representative and Co-ordinator for Combating Trafficking in Human Beings, Vienna, 2012.

Il momento più alto e importante resta il Convegno sui 30 anni della Legge 164 organizzato il 14 Aprile nell’Aula Magna di Santa Cristina a Bologna. Il MIT che dell’approvazione fu l’artefice ha voluto organizzare un simposio che fosse al contempo bilancio di trenta anni e programma per il futuro. Al convegno hanno partecipato i responsabili dell’azienda ASL, i rappresentanti delle istituzioni competenti, esperti medici e giuristi, tutte le associazioni con la presenza importante di Don Luigi Ciotti come testimone dell’approvazione nonché come gradito ospite.

A Maggio si è svolta la quinta edizione di Divergenti Festival Internazionale del Cinema Transessuale che ha riscosso un ormai consolidato successo registrando un’alta partecipazione di pubblico. Il Festival unico nel suo genere in Italia ha stabilito contatti e collaborazioni (alcune formalizzate) con il Festival del Cinema Gay di Torino, con il Queer festival di Palermo, con Queer Cinema di Bari e Some Prefer cacke festival del Cinema Lesbico con il quale si è creato un ottima contiguità.

Il 23 Novembre si è svolto a Bari il congresso ONIG chiamato a rinnovare le cariche ed eleggere il nuovo direttivo al cui interno sono stati eletti Porpora Marcasciano vice presidente e D. Nadalin segretaria, questi riconoscimenti pongono il MIT in una posizione di prestigio innalzandone il profilo culturale scientifico sociale.

Questi i risultati fondamentalmente politici e culturali, ma la vera vittoria è stata ed è quella relativa al benessere delle persone transessuali, a tutte le azioni messe in campo per sostenere, accompagnare e renderle autonome. Il fine di tutte le nostre 

 

Progetto TRANSACCOGLIENZA

In primo piano

Struttura di accoglienza dedicata a persone transessuali vittime di grave sfruttamento e tratta di esseri umani, inserite in programmi di assistenza ex art.13 legge 228/2003 e/o programmi art.18 d.lgs. 286/98

ENTI GESTORI

La struttura è promossa e gestita da: Movimento Identità Transessuale di Bologna e Cooperativa sociale Persone in Movimento di Ravenna.

FINALITA’

La struttura si propone come risorsa per gli enti che su tutto il territorio nazionale realizzano Programmi di prima assistenza ai sensi dell’articolo 13 Legge 228/2003 e Programmi di protezione e integrazione sociale ai sensi del d.lgs. 286/98, attraverso la realizzazione di una forma di accoglienza specializzata a favore di persone transessuali vittime di grave sfruttamento e tratta.

PERSONE BENEFICIARIE

Persone transessuali inserite nei programmi di prima assistenza realizzati ai sensi dell’articolo 13 legge 228/2003 e nei programmi di protezione e integrazione sociale ai sensi del d.lgs. 286/98 realizzati su tutto il territorio nazionale.

DOVE

A Bologna, in appartamento con indirizzo segreto.

DISPONIBILITA’

L’appartamento mette a disposizione 4 posti per invii da tutto il territorio nazionale, da parte degli enti del sistema nazionale progetti articolo 13 e articolo 18.

L’EQUIPE

L’equipe della casa di accoglienza è formata da 3 operatici dalle differenti competenze professionali:

Coordinatrice (Psicologa, Psicoterapeuta);

Referente per la presa in carico delle utenti (Counselor);

Referente per la struttura di accoglienza (Operatrice pari).

CONTATTI Cellulare: 331 5305932 (Lunedì, Mercoledì, Venerdì dalle 9 alle 13) Email: transaccoglienza@libero.it

Struttura TransAccoglienza • Luglio 2012 1/4

NOTE SUGLI ENTI GESTORI

Il Movimento Identità Transessuale (MIT), fondato nel 1982, è una ONLUS che difende e sostiene i diritti delle persone transessuali, travestiti e transgender.

Dal1994, inaccordo con il sistema sanitario e la Regione Emilia Romagna, il MIT si è dotato del primo Consultorio per la salute delle persone transessuali e transgender, che fornisce alle persone transessuali assistenza e sostegno qualificato nel percorso di transizione e di cambio del sesso.

Il MIT è impegnato a livello nazionale ed europeo nella lotta contro le discriminazioni legateall’identità di genere e a tal fine elabora, di concerto con altre associazioni e con le Istituzioni, strategie di contrasto e di lotta alle diseguaglianze; inoltre, fornisce servizi specifici alle persone transessuali etransgender vittime di esclusione sociale e di discriminazione, promuovendo anche importanti attività culturali.

La Cooperativa sociale Persone in Movimento è iscritta alla seconda sezione del registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore di stranieri immigrati, di cui all’art. 52, comma 1, lettera b) del regolamento di attuazione del testo unico concernente la disciplina sull’immigrazione enorme sulla condizione dello straniero, approvato con decreto legislativo 25 luglio 1998 n. 286 e successive modifiche.

Gestisce attività sociali di informazione, orientamento e consulenza amministrativa a favore di cittadini stranieri e attività di mediazione linguistica, sociale, sanitaria e socio-culturale. Svolge interventi sociali a favore di donne/uomini/minori vittime di tratta e di sfruttamento sessuale elavorativo, finalizzati al miglioramento di situazioni di disagio e alla realizzazione di percorsi di autonomia, di integrazione sociale e/o di rimpatrio assistito.

Dal 2011 è il soggetto attuatore del settore integrazione del progetto territoriale di protezione dei richiedenti asilo, rifugiati e beneficiari di protezione umanitaria – SPRAR per il Comune di Ravenna.

ESPERIENZE SPECIFICHE SUI TEMI DELLA TRATTA E DELLA PROSTITUZIONE

Entrambi gli enti hanno maturato nel corso degli anni una specifica esperienza in materia di prostituzione e di tratta di esseri umani, in particolare per gli interventi realizzati nell’ambito dellarete regionale del Progetto Oltre la Strada1.

La Cooperativa sociale Persone in Movimento è attualmente Ente gestore per il Comune di Ravenna per tutti gli interventi in materia di prostituzione e tratta, e raccoglie il personale che fin dall’avvio (nel 1999, per i progetti di assistenza e protezione sociale art.18, e nel 1996 per le attività di riduzione deldanno tramite Unità di strada) ha gestito in quel territorio gli interventi del Progetto Oltre la Strada. Le operatrici e gli operatori poi confluiti nella Cooperativa hanno sostenuto negli anni scorsi non solo leattività di accoglienza e di riduzione del danno, come negli altri territori regionali, ma anche lagestione di due azioni di sistema svolte a favore dell’intera rete del progetto Oltre la Strada: lastruttura di Pronta Accoglienza e la Postazione locale del Numero Verde a favore delle vittime di tratta.

Il Movimento Identità Transessuale è invece da anni Ente gestore per il Comune di Bologna degliinterventi di riduzione del danno, effettuati nell’ambito delle attività di riduzione del danno delprogetto regionale “Oltre la Strada”, rivolti a persone che si prostituiscono, in strada e al chiuso.Inoltre, in questi anni il MIT ha svolto attività di formazione e consulenza rivolta a diverse equipe territoriali dei progetti di accoglienza della rete regionale.

1 L’espressione Progetto Oltre la Strada definisce il sistema integrato di interventi socio-sanitari promosso dal 1996 dalla Regione Emilia-Romagna per interventi nel campo della prostituzione e della tratta di esseri umani. Gli interventi sono realizzati in tutto il territorio regionale da Enti pubblici, titolari e attuatori degli interventi, e da Soggetti privati accreditati, iscritti alla seconda sezione del registro delle associazioni e degli enti che svolgono attività a favore di stranieri immigrati, di cui all’art. 52, comma 1, lettera b) del regolamento di attuazione del Testo Unico concernente la disciplina sull’immigrazione, con i quali gli Enti locali stipulano accordi di convenzione.

Struttura TransAccoglienza • Luglio 2012 2/4

20 giugno seminario di formazione

In primo piano

Persone transessuali nei mercati della prostituzione
Interventi di tutela,  forme di grave sfruttamento e tratta, percorsi di protezione sociale

Il seminario si propone di rappresentare un’occasione di confronto
tra referenti, operatrici, operatori delle diverse realtà nazionali impegnate sui temi della prostituzione e della tratta, per fare il punto sia sul fenomeno delle forme di sfruttamento legate alla prostituzione transessuale, sia sugli interventi sviluppati, in particolare per quanto riguarda la presa in carico nell’ambito dei programmi di protezione sociale ex art.18 d.lgs. 286/98.

Il seminario è aperto, ma per motivi organizzativi l’iscrizione è obbligatoria.

Per informazioni: 051 527 70 73
Per l’iscrizione: progettoOLS@regione.emilia-romagna.it

Scarica il volantino

Modulo di iscrizione

Il Festival delle Differenze

In primo piano

Dal 13 al 16 giugno al Parco della Montagnola: musica, teatro, dibattiti, socialità, ballo e fantasia per celebrare le differenze.

Si aprono le danze con i Global Kan Kan e sabato 16 dalle 18,30 tutti al Gran Ballo delle Differenze, ingresso gratuito.

http://festivalofdiversities.eu

Il Festival nasce nel 2008 come manifestazione artistica e culturale che ha l’obiettivo di sollecitare l’incontro tra le soggettività “fuori norma” e potenzialmente a rischio di discriminazione. A realizzarlo è il MIT (Movimento Identità Transessuale, in collaborazione con CESD* (Centro Europeo di Studi sulla Discriminazione), YODA, ARCI Bologna, Comunicamente, TO / LET, LA ZONA, PROGRE’, SCOSSE.

Mercoledi 13 giugno
Ore 20.00 DATECI QUALCOSA DI DIVERSO

Aperitivo + Dj set Alice Malice
Ore 21.30: GLOBAL KAN KAN IN CONCERTO
Un collettivo di Dj e musicisti che ci farà ballare con un
metissage di generi: musica strumentale, basi house ed
elettroniche, melodie balcaniche, swing e sue evoluzioni
digitali.

http://soundcloud.com/global-kankan

Giovedi 14 giugno
Ore 20.00: LIBERTA’ E‘ DIFFERENZA

Aperitivo con Dibattito
Perché la di!erenza è uno stigma? Come si formano
l’esclusione sociale, i pregiudizi e la discriminazione?
Come nasce la violenza misogina, sessista, omofoba,
transfobica e razzista?
Ne discutono:
Michela Fusaschi
Anna Simone
Renato Busarello
Stefania Voli
a seguire QUERRILLA
Queerilla – la consolle egoSintonica di Radio Kairos
Incursione artistica – site specific di TO / LET.

Ore 22.30: GOLIARDA Live trailer
Goliarda Sapienza, voce potente sopravvissuta a decenni di censura, incarna un nuovo modello di libertà: la libertà di dire, di scrivere, di pensare, di ricordare, di essere; la libertà di essere nonostante le costrizioni, i divieti, le
censure, i rifiuti. Uno spettacolo di dialoghi, suggestioni sonore, video e
creazioni grafiche per immergere lo spettatore nell’esperienza vissuta dalla donna. Scritto, diretto e interpretato da Cristiana Raggi.

Venerdi 15 giugno
Ore 20.00: MEDIAMENTE DIVERSI

Aperitivo con Dibattito -DjSet VITAMINIK
Straniero, ospite, migrante, extracomunitario, clandestino: soggetto  o oggetto del comunicare? Miseria, paura, angoscia, disperazione, pietas, compassione, indi!erenza: come viene percepito il fenomeno? Racconti mediali a confronto per comprendere la costruzione discorsiva dell’immigrazione. Ne discutono:
Said Chaibi
Darien Levani
Mohamed Malih
Azeb Lucà Trombetta
Pierluigi Musarò

Ore 21.30: ON THE MOVE
Live e selecta Hip Hop, Laboratorio On the Move
Con la partecipazione di CHIODO (FNO – Fuoco Negli Occhi)
ON THE MOVE – Collettivo Hip Hop nato all’interno dello spazio XM24 sotto la supervisione del Coordinamento Migranti di Bologna e Provincia. Ragazzi migranti e italiani, nativi e non, insieme contro il razzismo che li vorrebbe divisi.

SABATO 16 giugno
Ore 18.30 IL GRAN BALLO DELLE DIFFERENZE

Sotto l’influsso del ritmo e delle melodie zingare, africane, brasiliane, balcaniche e italiane, decine di musicisti contamineranno la città con stili, generi e intrecci musicali.
Lo stile e l’atmosfera del Gran Ballo vi faranno danzare tutta la notte. Una Festa, ma allo stesso qualcosa di più. Una celebrazione, un mix perfetto fra musica, socialità, ballo e fantasia. Si esibiranno:
irumAmuri
La Menina Sin Nombre
Mototrabbasso
Marakatimba
Minor Swing Quartet
Otto Bassotto
Rumba De Bodas
Voodoo Sound Club
Dj”Farrapo
Vj set Antonio Martino e Umberto Saraceni

Informativa estesa sull’uso dei cookie

Uso dei cookie

mit-italia.it o il “Sito” utilizza i Cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che visiona le pagine di mit-italia.it.

Gli utenti che visionano il Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer e periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’Utente.

Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Analizzandoli in maniera particolareggiata i nostri cookie permettono di:

  • memorizzare le preferenze inserite
  • evitare di reinserire le stesse informazioni più volte durante la visita quali ad esempio nome utente e password
  • analizzare l’utilizzo dei servizi e dei contenuti forniti da mit-italia.it per ottimizzarne l’esperienza di navigazione e i servizi offerti

Tipologie di Cookie utilizzati da mit-italia.it

A seguire i vari tipi di cookie utilizzati da mit-italia.it in funzione delle finalità d’uso

Cookie Tecnici

Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Sono di due categorie, persistenti e di sessione:

  • persistenti: una volta chiuso il browser non vengono distrutti ma rimangono fino ad una data di scadenza preimpostata
  • di sessione: vengono distrutti ogni volta che il browser viene chiuso

Questi cookie, inviati sempre dal nostro dominio, sono necessari a visualizzare correttamente il sito e in relazione ai servizi tecnici offerti, verranno quindi sempre utilizzati e inviati, a meno che l’utenza non modifichi le impostazioni nel proprio browser (inficiando così la visualizzazione delle pagine del sito).

Cookie analitici

I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni sull’uso del Sito. mit-italia.it userà queste informazioni in merito ad analisi statistiche anonime al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza. Questa tipologia di cookie raccoglie dati in forma anonima sull’attività dell’utenza e su come è arrivata sul Sito. I cookie analitici sono inviati dal Sito Stesso o da domini di terze parti.

Cookie di analisi di servizi di terze parti

Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.

Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti

Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.

Cookie di profilazione

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.

mit-italia.it, secondo la normativa vigente, non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Siti Web e servizi di terze parti

Il Sito potrebbe contenere collegamenti ad altri siti Web che dispongono di una propria informativa sulla privacy che può essere diverse da quella adottata da mit-italia.it e che che quindi non risponde di questi siti.

Come disabilitare i cookie mediante configurazione del browser:

Chrome

Eseguire il Browser Chrome

Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

Selezionare Impostazioni

Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“

Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

Consentire il salvataggio dei dati in locale

Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser

Impedire ai siti di impostare i cookie

Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti

Gestire le eccezioni per alcuni siti internet

Eliminazione di uno o tutti i cookie

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Mozilla Firefox

Eseguire il Browser Mozilla Firefox

Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione

Selezionare Opzioni

Seleziona il pannello Privacy

Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate

Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti“

Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:

Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento

Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato

Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali

Dalla sezione “Cronologia” è possibile:

Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta

Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Internet Explorer

Eseguire il Browser Internet Explorer

Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet

Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:

Bloccare tutti i cookie

Consentire tutti i cookie

Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari 6

Eseguire il Browser Safari

Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy

Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.

Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Safari iOS (dispositivi mobile)

Eseguire il Browser Safari iOS

Tocca su Impostazioni e poi Safari

Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”

Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Opera

Eseguire il Browser Opera

Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie

Selezionare una delle seguenti opzioni:

Accetta tutti i cookie

Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati

Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Per maggiori informazioni visita la pagina dedicata.

Come disabilitare i cookie di servizi di terzi

Servizi di Google

Facebook

Twitter

Questa pagina è visibile, mediante link in calce in tutte le pagine del Sito ai sensi dell’art. 122 secondo comma del D.lgs. 196/2003 e a seguito delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.126 del 3 giugno 2014 e relativo registro dei provvedimenti n.229 dell’8 maggio 2014.

LIBERATE VLADIMIR LUXURIA, SUBITO!

Tutto il mondo trans e il movimento LGBT vive con apprensione la notizia dell’arresto di Vladimir Luxuria alle olimpiadi di Sochi. Sapevamo Già di che pasta erano fatte quelle olimpiadi, sappiamo tutt* chi è Putin e dove stà andando la sua Russia, paese dove la negazione dei diritti è pratica sistematica. L’arresto di Vladimir ci sconvolge e non può lasciare indifferente la comunità perchè lei era a Sochi a portare la nostra voce, quella che da tempo viene negata in Russia e in molto paesi sotto la sua egemonia e quella della chiesa ortodossa. Già qualche anno fa, Vladimir fu arrestata a Mosca durante il Pride e da allora le cose, per omosessuali lesbiche e transessuali, sono peggiorate. Chiediamo alla politica (se esiste) e alle istituzioni di chiedere il rilascio immediato, a tutto il movimento LGBT e non solo di mobilitarsi per dire “basta” a questa assurdità. A Vladimir nostra cara amica e compagna di battaglie va tutta la nostra vicinanza, il sostegno e l’orgoglio, lo stesso che lei ha saputo e voluto portare nella terra della vergogna.

MIT (Movimento Identità Transessuale)

Il Rosa Nudo

Venerdì 24 gennaio alle 19.00 sarà proiettato al cinema Odeon di Bologna Il Rosa Nudo, film sperimentale di Giovanni Coda ispirato alla drammatica storia di Pierre Seel, internato e torturato dai nazisti nel 1941, appena diciassettenne, a causa della sua omosessualità.

In occasione delle iniziative dedicate al Giorno della Memoria, che si celebra il 27 gennaio, Some Prefer Cake Bologna Lesbian Film Festival, Divergenti Festival internazionale di cinema Trans, Gender Bender e DER – Documentaristi Emilia Romagna presentano, per la prima volta a Bologna, il film del regista cagliaritano per continuare a ricostruire e diffondere la memoria dell’omocausto, la persecuzione e lo sterminio di lesbiche, gay e trans nei campi di sterminio nazisti. Interverranno il regista Giovanni Coda, Luki Massa, direttrice di Some Prefer Cake, Porpora Marcasciano, direttrice di Divergenti, e Enza Negroni, presidente di DER.

A metà tra documentario e opera di video arte, Il Rosa Nudo prende spunto da Moi, Pierre Seel, déporté homosexuel, l’autobiografia che Pierre Seel scrisse nel 1982 insieme a Jean Le Bitoux, uno dei più importanti attivisti per i diritti LGBT in Francia e in Europa. Nel suo toccante racconto, mai tradotto in italiano, Seel ricostruisce la drammatica vicenda del suo internamento nel campo di Schirmeck, a 30 km da Strasburgo, dove assisterà all’atroce morte del suo compagno. Da questo racconto prende spunto il film, che, in 70 minuti di immagini teatrali ed evocative, racconta con delicatezza e poesia gli orrori compiuti dai nazisti nei confronti di chi era schedato come omosessuale, soffermandosi anche sulle teorie scientifiche per la cura dell’omosessualità di Carl Peter Veernet, che aprirono di fatto la strada alle persecuzioni naziste.

Dopo la Première Nazionale alla 28ma edizione del Torino GLBT Film Festival 2013, la proiezione quale Evento Speciale “per il suo alto valore artistico, storico e morale” alla 7ª edizione del Queer Lion Award nel corso della 70ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2013 e la partecipazione all’11ma edizione del Florence Queer Festival 2013, lo scorso ottobre il film di Giovanni Coda ha vinto il Gold Jury Prize quale Miglior Film al Social Justice Film Festival 2013 di Seattle.

Videoartista, fotografo e regista cinematografico, Giovanni Coda nasce artisticamente nel 1990. Nel 1995 fonda l’Associazione Socio-culturale Labor e nel 1996 il V-art (Festival Internazionale Immagine d’Autore). Ha 45 opere video all’attivo, diverse collezioni fotografiche e una vasta attività espositiva suddivisa fra pittura, fotografia e videoinstallazioni. Negli ultimi anni ha realizzato mostre e performance di video arte presentate e premiate in Italia e all’estero. Dopo la realizzazione de Il Rosa Nudo, è attualmente è impegnato nella pre-produzione del suo nuovo film La Donna di Carta e, in contemporanea con l’ultima parte della trilogia cinematografica sulla violenza, il film Good As You, entrambi in uscita per il 2014.

cropped-banner_fb_evento_RosaNudo.png

Transgenderismi, Identità, Corpi (Conferenza)

 

 

 

 

Transgenderismi, Identità, Corpi (Conferenza)

Venerdì 13 dalle 9.00 in via Zamboni 32 – aula III – Bologna

Uni LGBTQ presenta la conferenza “Transgenderismi, Identità, Corpi – Approcci e prospettive di ricerca, con il contributo di Unibo e con il patrocinio del CSGE (Centro Studi sul Genere e l’Educazione).

Interverranno:

– Roberta Dameno: docente di sociologia del diritto, Università di Milano-Bicocca;
– Elisa A.G. Arfini: ricercatrice presso il
Dipartimento di Filosofia e Comunicazione, Università di Bologna;
– G.B. Novello Paglianti: docente di antropologia culturale, Università di Padova;
– Paolo Valerio: docente di psicologia clinica, Università Federico II di Napoli;
– Federica Zanetti – Chiara Cretella, Centro studi sul genere e l’educazione, Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Università di Bologna.

Saluti di:

– Porpora Marcasciano, presidentessa del MIT, Movimento Identità Transessuali;
– Gianluca Paudice, presidente di Uni LGBTQ.

Schermata 2013-12-10 alle 23.52.40